Norme per la promozione dei prodotti a uso dei venditori

Per offrire un servizio migliore a venditori e affiliati, ClickBank ha sviluppato queste regole generali per illustrare con chiarezza i tipi di pubblicità (messaggi, dichiarazioni, immagini, testimonial, ecc.) consentiti o vietati, inclusi, a titolo esemplificativo, le pagine di presentazione dei venditori ClickBank, tutto il materiale relativo ai prodotti e gli altri materiali promozionali. Si tratta solo di regole generali che intendono integrare le informazioni fornite nel nostro Contratto col cliente.

ClickBank tiene molto ai propri clienti e per questo motivo prende molto sul serio le normative della Federal Trade Commission (FTC) in materia di pubblicità e impone di farlo anche ai propri venditori e affiliati.

La pubblicità promozionale, i testi pubblicitari, i messaggi e i materiali per promuovere, in modo implicito o esplicito, i prodotti sono sempre soggetti all’approvazione di ClickBank. ClickBank si riserva il diritto esclusivo di aggiornare e modificare le presenti regole in qualsiasi momento, senza preavviso, e di approvare o disapprovare materiale relativo a prodotti, marketing, testi pubblicitari, etichette e altro materiale di vendita, a propria discrezione.

Pubblicità attendibile

Le pubblicità su Internet, in radio, televisione o altri mezzi, secondo le leggi federali, devono essere attendibili, non ingannevoli e, laddove necessario, sostenute da prove scientifiche. Oltre a questi principi guida e ai regolamenti specifici, ClickBank prenderà in considerazione il numero netto di impression del messaggio pubblicitario, che include marketing, testo, etichette e altro materiale di vendita.

La pubblicità ingannevole, vale a dire quella che confonde i consumatori in qualsiasi modo, influenzandone il comportamento o le decisioni di acquisto rispetto al prodotto in questione o causando danni ai consumatori, costituisce una potenziale violazione delle norme dell’FTC; per questo motivo, potremmo richiedere la modifica immediata dei prodotti o del materiale di marketing esistente, disapprovare prodotti o materiale di marketing nuovi o esistenti e persino rescindere i contratti.  

Testimonial e sponsorizzazione

L’uso di testimonial e sponsorizzazioni deve essere conforme alle norme della Federal Trade Commission (FTC). Questo implica che i fornitori non possono utilizzare dichiarazioni ingannevoli o mendaci nel testo pubblicitario o nelle promozioni video. Eventuali dichiarazioni specifiche inserite nell’annuncio pubblicitario circa le prestazioni o la qualità di un prodotto dovranno essere dimostrabili ovvero supportate da esempi reali di esperienze reali. Affermare che non tutti i consumatori che utilizzano il prodotto in questione otterranno i medesimi risultati non è sufficiente perché un messaggio pubblicitario sia considerato idoneo. Testimonial e sponsorizzazioni non possono essere utilizzati per dichiarazioni non dimostrabili dall’inserzionista stesso.

Eventuali connessioni poco chiare o inspiegabili tra la persona che sponsorizza il prodotto e il venditore devono essere divulgate, sia se è presente un accordo finanziario finalizzato alla valutazione di merito, sia che la persona lavori presso il venditore o sia azionista presso l’azienda del venditore stesso. Le sponsorizzazioni fornite da individui esperti o rappresentativi devono basarsi su test o valutazioni eseguiti da specialisti con esperienza della materia.

Gli affiliati, inoltre, non possono fingersi valutatori neutrali di due prodotti al fine di ricevere una commissione per la vendita di uno. 

Informative e dichiarazioni di non responsabilità

Tutte le informative e le dichiarazioni di non responsabilità devono essere chiare e dettagliate e non confondere i consumatori per qualsiasi motivo. Questa regola si riferisce a qualsiasi informativa o dichiarazione di non responsabilità, ai termini di vendita ecc. circa prodotti o attività pubblicitaria di o altrimenti collegati a ClickBank. Significato di “chiaro e dettagliato” secondo la FTC.

Per produrre un’informativa chiara e dettagliata, gli inserzionisti devono utilizzare un linguaggio inequivocabile e niente affatto ambiguo e darle inoltre il giusto risalto. I consumatori dovranno riuscire a individuare l’informativa senza difficoltà e senza doverla cercare. In linea generale, le informative devono:

  • essere vicine alle dichiarazioni a cui fanno riferimento;
  • essere scritte in un carattere facilmente leggibile;
  • avere un colore che si distingua dallo sfondo;
  • essere in sovraimpressione per un tempo sufficiente a essere notate, lette e comprese (per le pubblicità video);
  • essere lette con una cadenza che le renda comprensibili e includere parole semplici per tutti i consumatori.

Un’informativa letta e mostrata contemporaneamente in sovrimpressione verrà notata più facilmente dal pubblico. Le informative non dovranno essere poco visibili o inserite nelle note, in blocchi di testo difficilmente leggibili o nei link. Informative di difficile reperimento e comprensione, visualizzate per tempi ridotti o incluse in porzioni di testo poco visibili o confuse e nascoste da altri elementi nel banner o nel messaggio pubblicitario non rispettano lo standard “chiaro e dettagliato”.

Fai anche riferimento al documento FTC Guidance: How to Make Effective Disclosures in Digital Advertising.

Telemarketing

Non consentiamo l’attivazione telefonica dei prodotti né proponiamo prodotti che impongono al cliente di chiamare e acquistare altri prodotti per effettuare il primo acquisto tramite ClickBank. È vietato contattare i clienti contro la loro volontà; la scelta di non essere inseriti nell’elenco delle persone contattabili va in ogni modo rispettata. È vietato tentare di convincere i clienti al telefono.

Marketing ambientale

Le diverse aziende offrono sempre più spesso ai clienti un’ampia gamma di opzioni ecocompatibili. Sia che le tue dichiarazioni circa l’ecocompatibilità riguardino il prodotto stesso o la sua confezione, dovrai in ogni caso produrre prove scientifiche e affidabili a supporto delle informazioni che vengono divulgate. Per ulteriori informazioni, si rimanda alle linee guida per la sostenibilità della FTC.

Spam per la posta elettronica

È obbligo degli inserzionisti comprendere l’uso consentito e quello non consentito della posta elettronica per contattare i clienti. Il CAN-SPAM Act stabilisce i requisiti per coloro che inviano e-mail pubblicitarie non richieste. Il documento proibisce severamente l’uso di intestazioni false o ingannevoli e di contenuti mendaci inseriti nella riga dell’oggetto e impone inoltre che le e‑mail promozionali non richieste offrano ai destinatari la possibilità di disattivarne la ricezione; il documento inoltre indica che queste comunicazioni devono essere classificate come pubblicità.

Dichiarazioni in merito a integratori e alimenti dietetici

Oltre alle normative indicate dalla FTC circa le indicazioni sulla salute, per alimenti, integratori dietetici, cosmetici e prodotti ingeribili in genere, ClickBank si basa sulle normative della Food and Drug Administration (FDA). Nel caso di prodotti regolamentati dalla FDA, è responsabilità degli inserzionisti individuare eventuali norme applicabili alla produzione e alla pubblicità dei propri prodotti.

Tra le diverse dichiarazioni utilizzabili sulle etichette di prodotti alimentari o integratori dietetici, sono presenti tre categorie definite dallo statuto e dal regolamento della FDA: indicazioni sulla salute, sul contenuto nutrizionale e sulla sua struttura/funzione. ClickBank chiederà di tanto in tanto ai venditori di dimostrare la veridicità delle indicazioni sulla salute pubblicate per i prodotti.

Indicazioni sulla salute

Oltre a fornire indicazioni chiare e accurate sui diversi prodotti, chi li commercializza deve verificare che tali indicazioni siano dimostrabili. In base alle leggi della FTC, prima di divulgare una pubblicità, gli inserzionisti devono avere una base ragionevole su cui fondare tutte le dichiarazioni, espresse o implicite, riguardo ai prodotti commercializzati. Tale base ragionevole dipende sostanzialmente dalla tipologia di indicazioni e dichiarazioni, dalla presentazione nel contesto dell’annuncio e dai requisiti.

La FTC, e pertanto ClickBank, impone che le indicazioni sull’efficacia o la sicurezza degli integratori alimentari siano supportate da prove scientifiche affidabili e di qualità, definite dalla FTC come “test, analisi, ricerche, studi o altre prove basate sull’esperienza di professionisti del settore, eseguiti e valutati in modo oggettivo da personale qualificato e impiegando procedure generalmente accettate nell’ambito di applicazione per produrre risultati accurati e affidabili”. Si tratta degli stessi principi applicati dalla FTC a qualsiasi indicazione sulla salute del settore.

Indicazioni nutrizionali

Il Nutrition Labeling and Education Act (NLEA) del 1990 consente l’uso delle indicazioni sulle etichette circa la percentuale di una determinata sostanza nutritiva in un alimento (ad esempio, le indicazioni sulla composizione nutrizionale) se è stato autorizzato dalla FDA e viene fatto conformemente ai regolamenti di autorizzazione della FDA.

Indicazioni sulle funzioni vitali

Le etichette degli integratori alimentari potrebbero contenere indicazioni sugli effetti di una determinata sostanza nel mantenimento delle normali funzioni vitali, ma non devono mai dichiarare che il prodotto sia in grado di diagnosticare, trattare, curare o prevenire una determinata patologia. L’FDA non ammette né autorizza tali dichiarazioni. Un esempio di tali indicazioni è: “Il prodotto x favorisce ossa e articolazioni sane”. Quando un integratore alimentare viene pubblicizzato con una dichiarazione del genere, tale indicazione deve essere supportata da una dichiarazione di non responsabilità, ad esempio 3A “La presente dichiarazione non è stata verificata dalla Food and Drug Administration. Il prodotto non intende diagnosticare, trattare, curare o prevenire alcuna patologia”. 

Prodotto in USA

Per poter includere la dicitura “Made in the U.S.A.”, il prodotto deve essere stato prodotto interamente o quasi negli Stati Uniti. Per ulteriori dettagli, consultare le linee guida della FTC.

Requisiti video:

I venditori devono inviare la trascrizione completa del video prima di girarlo. Non saranno accettati video la cui trascrizione non è stata valutata preventivamente. 

Attività consentite

    • Video e testimonial con attori che ricoprono il ruolo di consumatori e descrivono i vantaggi derivanti dall’utilizzo del prodotto in questione sono consentiti solo se il video ritrae in modo accurato un’esperienza tipica dei consumatori e include una dichiarazione di non responsabilità pronunciata dall’attore (ad esempio, “Attore che ricopre il ruolo di acquirente”). 
    • Indicare in modo chiaro e dettagliato le prestazioni generiche previste nelle circostanze illustrate nella pubblicità.
    • Video e testimonial con attori che illustrano l’esperienza/la storia reale del venditore (in prima o in terza persona) sono consentiti, ma devono dichiarare in modo chiaro e dettagliato che si tratta di un attore. La dichiarazione di non responsabilità deve essere conforme alle linee guida dell’FTC in materia di informative e dichiarazioni di non responsabilità. Per ulteriori informazioni, fai inoltre riferimento alla precedente sezione Informative e dichiarazioni di non responsabilità.
    • Video e testimonial con l’attore che descrive gli attributi reali del prodotto (deve pronunciare anche una dichiarazione di non responsabilità).
    • Video e testimonial con un cliente reale che fornisce la sua testimonianza (non necessita di una dichiarazione di non responsabilità, ma il venditore deve aver preventivamente ottenuto una documentazione sottoscritta del cliente per fornirla a eventuali enti regolatori che desiderino verificare che si tratti della reale esperienza del cliente).
    • Video e testimonial con il venditore reale che racconta la sua storia (non necessita di una dichiarazione di non responsabilità).

Attività Vietate

    • Video che ritraggono o fanno riferimento a individui o storie non reali, laddove un venditore dichiari cose mendaci durante la presentazione del prodotto.
    • Video che ritraggono o fanno riferimento al venditore, laddove quest’ultimo fornisca indicazioni mendaci sui profitti.
    • Video che non permettano l’interruzione o la chiusura. Le sponsorizzazioni non corredate da prove sono vietate.

Qualsiasi indicazione o dichiarazione contenuta nel video deve essere dimostrabile. Qualora la FTC, querelanti privati o altre agenzie chiedano la dimostrazione di quanto dichiarato, il venditore deve essere in grado di fornire le prove adeguate. Qualora dovesse scoprire che un prodotto viola queste o altre norme applicabili o causa problemi significativi al cliente, ClickBank, a propria esclusiva discrezione, potrebbe richiedere la modifica immediata dei prodotti o del materiale per il marketing esistente, disapprovare prodotti o materiale per il marketing nuovo o esistente o persino terminare i relativi account. 

Falsa penuria

ClickBank vieta espressamente di dichiarare la ridotta disponibilità dei prodotti, se la dichiarazione non corrisponde alla realtà. Ad esempio, la dicitura “Solo 300 copie rimaste” quando le copie disponibili sono molte di più, l’inclusione di widget per il conto alla rovescia per incentivare l’acquisto o annunci con le diciture “solo oggi” o “offerta irripetibile” se non vere, sono proibite.

  • Attività consentite
    • I messaggi sulla scarsa disponibilità di un prodotto sono consentiti solo quando le scorte sono realmente ridotte o quando l’offerta è limitata nel tempo e l’intenzione di inserire annunci di questo tipo va comunicata a ClickBank durante la procedura di approvazione del prodotto. 
    • ClickBank controllerà e limiterà la vendita in base al limite di disponibilità o di tempo appropriato. La stessa offerta non può poi essere riproposta per 7 giorni.
  • Attività Vietate
    • Messaggi che indicano o implicano che il prodotto è disponibile solo per un periodo di tempo limitato senza che ciò sia vero.
    • Messaggi che indicano che il prodotto è disponibile solo per un periodo di tempo limitato fino al ritiro dal mercato, mentre ci saranno altre possibilità di acquistare il prodotto in futuro.

Prezzi

    • I prezzi vanno indicati in modo chiaro e dettagliato. ClickBank vieta espressamente l’indicazione di prezzi ingannevoli in qualsiasi misura e si riserva il diritto di richiedere ai venditori di dimostrare la validità del prezzo suggerito o del prezzo in prevendita.

Il prezzo una tantum di un prodotto standard va collocato accanto al primo link di pagamento sulla pagina di presentazione in modo chiaro e dettagliato.

Il prezzo di un prodotto con pagamento ricorrente deve contenere il costo iniziale, la frequenza dei pagamenti e la durata dell’abbonamento accanto a OGNI link di pagamento presente sulla pagina di presentazione.

  • Attività consentite
    • Sconti reali sul prezzo di vendita
    • Prezzi, opzioni e termini di pagamento chiari e dettagliati Prezzi e opzioni di acquisto devono essere immediatamente comprensibili.
  • Attività Vietate
    • Prezzi che suggeriscono in modo fittizio che il prodotto è stato venduto in precedenza a un costo maggiore.
    • La presentazione mendace del prezzo, del costo totale di acquisto e delle opzioni di acquisto. Prezzi e opzioni di acquisto devono essere immediatamente comprensibili, come già detto in precedenza. Eventuali prezzi indicati in modo non chiaro, a esclusiva discrezione di ClickBank.
    • Indicare un falso prezzo suggerito o un prezzo in prevendita più alto. Ad esempio, non puoi indicare un prezzo di partenza pari a € 99 solo per convincere i clienti che € 79 sia il prezzo scontato, se il prodotto è stato sempre venduto a € 79.
    • I prodotti con pagamenti ricorrenti (incluse le prove gratuite) che non presentano in modo chiaro e dettagliato i termini di vendita e i successivi pagamenti accanto al prezzo iniziale. Se non è chiaro che il prodotto prevede pagamenti ricorrenti e se il cliente riesce con difficoltà a comprendere i termini relativi al prodotto, ClickBank chiederà di modificare la presentazione dei prezzi o disapproverà il prodotto.

Di seguito viene fornito un esempio di corretta presentazione di un prodotto con pagamenti ricorrenti. Il prezzo del prodotto iniziale è € 9,95, poi di € 37 per i quattro (4) mesi successivi. Nell’esempio vengono correttamente utilizzati la dimensione minima per il font (pari a 12) e un colore in contrasto rispetto allo sfondo. Esempio:

 italian_marketplace.png

Qualora dovesse scoprire che un prodotto viola queste o altre norme applicabili o causa problemi significativi al cliente, ClickBank, a propria discrezione, potrebbe richiedere la modifica immediata dei prodotti o del materiale per il marketing esistente, disapprovare prodotti o materiale per il marketing nuovo o esistente o persino terminare i relativi account. 

Offerte uniche, upsell e downsell

Il prodotto iniziale venduto deve essere utilizzabile da solo e rappresentare un valore per i clienti. È consentita la vendita di prodotti civetta, ma non dei prodotti esca che sono inaccettabili e ingannevoli. Eventuali proposte di upsell e downsell devono rappresentare un valore aggiunto per il cliente rispetto al prodotto iniziale o integrarlo. Obbligare i clienti all’upsell o downsell per acquistare il prodotto iniziale non è accettabile e comporta la sospensione o la terminazione dell’account.

I link e i pulsanti per rifiutare upsell o downsell (“No, grazie”) devono essere chiari e ben visibili nella pagina, in base ai seguenti requisiti:

  • Le dimensioni minime del font sono pari a 12. È possibile utilizzare dimensioni maggiori per dare risalto al testo rispetto a immagini o contenuti di grandi dimensioni. Il font o link per rifiutare l’acquisto deve essere in risalto e ben visibile e chiaro e non deve costringere il cliente a scorrere la pagina dall’alto verso il basso.
  • Il font deve essere in contrasto rispetto al colore dello sfondo.
  • I link per rifiutare l’acquisto devono trovarsi sulla stessa pagina del link o pulsante per accettare l’offerta, su uno schermo standard da 1024 x 768 o su quello di qualsiasi dispositivo portatile. In altre parole, per visualizzare i pulsanti o i link “Sì” e “No, grazie” non deve essere necessario scorrere la pagina.

Tecniche promozionali 

  • Attività Vietate
    • ClickBank non consente l’utilizzo di tattiche promozionali per favorire o altrimenti suscitare paura, panico, caos, ecc.
    • ClickBank non consente l’impiego di tattiche di marketing discriminatorie circa religione, cultura, nazionalità, razza, preferenze od orientamento sessuale, età, ecc.
    • L’inserimento di loghi di aziende o marchi importanti nel materiale per il marketing del venditore, incluso nelle pagine di presentazione e ringraziamento, ad eccezione del logo dei circuiti delle carte di credito accanto ai link di pagamento, è vietato se il venditore non ha l’opportuna autorizzazione scritta all’utilizzo della proprietà intellettuale di tali marchi o aziende.
    • L’utilizzo non autorizzato del logo di ClickBank è proibito. Per informazioni sull’utilizzo autorizzato del logo, consultare le Norme per l’utilizzo dei marchi ClickBank.
    • È proibito inserire requisiti di idoneità se non necessari per l’acquisto del prodotto. I requisiti di idoneità devono essere precisi e formulati in modo che il consumatore possa facilmente discernere le condizioni che li rispettano o che non li rispettano.
    • È vietato dichiarare che l’uso del prodotto sia più semplice del reale (ad esempio “basta un pulsante per guadagnare” o “guadagna in tre semplici passaggi”, se la procedura non è esatta). ClickBank impone che nelle pagine di presentazione i venditori indichino con ragionevole precisione gli sforzi tipici o reali necessari al raggiungimento dei risultati tipici. ClickBank incoraggia i venditori a utilizzare le normali tecniche di vendita, ma senza millantare prestazioni o qualità dei prodotti venduti; dichiarare che con un impegno minimo di un’ora al giorno e senza alcuna esperienza nel settore sia possibile guadagnare importi a 6 cifre non è credibile. Dichiarare, invece, che con la dovuta attenzione, impegno e del tempo libero a disposizione, un utente medio con poca esperienza in ambito marketing possa aspirare a un guadagno aggiuntivo è sicuramente più credibile.
    • Le dichiarazioni che iniziano con “Come è dimostrato da...” o similari senza alcuna documentazione in grado di provare che il prodotto sia stato effettivamente utilizzato in trasmissioni televisive o riviste (tale documentazione non è obbligatoria in fase di approvazione del prodotto, ma dovrà essere fornita su richiesta).
    • Le “offerte nascoste” in cui viene promessa la possibilità di guadagnare o raggiungere determinati obiettivi senza dettagli specifici sulle modalità in cui il prodotto soddisfa tali dichiarazioni. Nelle pagine di presentazione di ClickBank, soprattutto per quanto concerne il settore del marketing Internet o dei guadagni online, le tecniche o le procedure grazie alle quali il prodotto acquistato consente di raggiungere determinati risultati devono essere indicate chiaramente.
    • Qualora dovesse scoprire che un prodotto viola queste o altre norme applicabili o causa problemi significativi al cliente, ClickBank, a propria esclusiva discrezione, potrebbe richiedere la modifica immediata dei prodotti o del materiale per il marketing esistente, disapprovare prodotti o materiale per il marketing nuovo o esistente o persino terminare i relativi account. 
Altre domande? Invia una richiesta

0 Commenti

Accedi per aggiungere un commento.
Powered by Zendesk